Monte Due Mani m 1666
Prealpi Lombarde - Gruppo del Resegone - Lombardia
Escursionismo, EEA
disl. 700 m circa
durata 5 h (di cui 2 di ferrata)

Radice Giuliano doramarkus1@virgilio.it
via ferrata Simone Contessi
Da Ballabio (Valsassina - LC) si percorre la strada che porta al minuscolo centro di Morterone. Dopo circa 5-6 km si identifica sulla sinistra il cartello che segnala l'inizio della ferrata. Si parcheggia preferibilmente sul lato destro della strada (piccolo slargo, ridotte possibilita' di parcheggio) e si percorre per un breve tratto il sentiero n° 36. La caratteristica di questa ferrata e' infatti quella di incrociare ripetutamente detto sentiero, consentendo cosi' comode vie di fuga a chi si senta stanco oppure abbia sottovalutato le difficolta' tecniche. Un segnale ci dirige a sinistra dove affrontiamo il primo risalto roccioso, che ad un certo punto presenta una placca liscia un po' impegnativa. Si ritorna sul sentiero e successivamente si seguono i segnali che indicano le successive deviazioni cablate, che presentano comunque minori difficolta' rispetto alla prima. Da segnalare solamente un traverso lievemente problematico nell'aggiramento di un torrione nel secondo tratto e, nell'ultimo tratto prima della cresta, un fastidioso alberello che ostacola la progressione e una placchetta senza molti appigli. Si perviene sul sentiero che percorre la cresta del Monte Due Mani, si trascura sulla sinistra un sentiero proveniente direttamente da Ballabio, si incontrano successivamente due deviazioni cablate di nessuna difficolta' e si raggiunge infine la vetta del Monte Due Mani (m. 1666, 3h- 3h 30'), su cui sorge un orrido bivacco metallico a forma di igloo di nessuna utilita'. Si ritorna seguendo il sentiero 36. Commenti: via ferrata difficile. Molte vie di fuga. Grado di esposizione quasi sempre basso.


Lavori in corso...

indietro