PIZ MORTERATSCH m 3751
Bernina - Ticino (CH)
Alpinismo, PD-
disl. 1300 m
durata 4/4.30 ore

Fabrizio Righetti
Via normale dalla Chamanna da Boval

Poco più impegnativa della salita comune dalla Chamanna Tschierva ha il vantaggio di essere meno frequentata e di avere un'approccio da fondovalle sensibilmente più corto avvenendo dalla Val Morteratsch.
L'itinerario di salita si svolge in ambiente selvaggio ed isolato con limitati tratti glaciali di cui quello più importante, rappresentato dalla calotta sommitale, è in comune con la via normale dalla Chamanna Tschierva. Anche in questo caso è consigliabile la traversata della montagna con discesa sul versante opposto alla Chamanna Tschierva.

Base per questa salita è la Chamanna Boval, posta in posizione panoramica a 2495 m di quota sul fianco sinistro della Valle del Morteratsch alle pendici del Piz Morteratsch. Il rifugio è facilmente raggiungibile in circa 1.30 ore di cammino seguendo l'ottimo sentiero che si diparte alla destra della strada sterrata di fondovalle poco dopo il suo inizio nei pressi della stazione ferroviaria del Morteratsch (1896 m).
Dalla Chamanna da Boval 2495 m si sale per ripido sentiero verso W fin quasi sotto le pendici del soprastante Corn da Boval. Verso i 2800 m di quota la traccia diventa più rada e per detriti morenici si piega a sinistra (SW) raggiungendo il piccolo Vadret Boval Dadains. Risalire il ghiacciaio puntando alla parete rocciosa che precede l'evidente valico della Fuorcla da Boval (in questo tratto prestare attenzione ad eventuali scariche di sassi provenienti dalle pareti circostanti).
Giunti al margine superiore del ghiacciaio risalire le ultime lingue di neve ed imboccare un canalino obliquo verso sinistra, risalirlo per roccette e detriti (neve ad inizio stagione) e continuare poi lungo una serie di facili rocce gradinate (I qualche passo di II, segnavia con bolli rossi). Al termine di questa sezione si raggiunge così la Fuorcla da Boval (3345 m), valicarla e discendere brevemente e facilmente sul versante opposto mettendo piede sul Vadrettin da Tschierva congiungendosi alla via comune provenienente dalla Chamanna Tschierva.
Percorrere quindi il ghiacciaio lungo la traccia quasi sempre presente che si sviluppa sulla imponente calotta glaciale sommitale della montagna. Con percorso facile e suggestivo si raggiunge così la vetta della montagna.




Lavori in corso...

indietro