Tresenta cresta Ovest m 3609
Gran Paradiso - Val d' Aosta
Alpinismo, F
disl. 1649
durata 2 gg

Eolo Lucentini elucentini@libero.it
Tresenta cresta Ovest
1° giorno: da Pont (Valsavarenche), 1960 m, al rifugio Vittorio Emanuele, 2732 m, per sentiero che parte dal parcheggio alla fine della strada della Valsavarenche (2h) 2° giorno: partenza dal rifugio all'alba; risalire la ripida cresta morenica che parte dal lato opposto del laghetto rispetto al rifugio e proseguire sul filo della morena (percorso segnalato da ometti di pietra, a volte non evidentissimi alla luce della frontale) fino a raggiungere una ampia piana glaciale con grossi massi erratici dove per tracce di sentiero e seguendo gli ometti di pietra , costeggiando sulla sx quello che resta della lingua del ghiacciaio di Moncorvè, si perviene alla base della Tresenta all'incirca al centro della base della parete NO(1 h) Qui si calzano i ramponi e si inizia a risalire il nevaio puntando al lato sinistro di una evidente spalla rocciosa. Superata la spalla, tenendosi leggermente larghi sulla sx per evitare una zona ripida con possibilità di ghiaccio vivo, sempre su ghiacciaio la si segue a monte traversando quasi in piano verso dx fino a circa metà, quindi si sale direttamente, leggermente verso dx, ad intercettare la cresta Ovest circa a metà, puntando verso alcuni massi che spuntano nel nevaio vicino alla cresta rocciosa, sormontati da ometti di pietra. Qui, tolti i ramponi, si passa sulla cresta rocciosa e la si sale direttamente, dapprima su pietraia molto instabile e quindi per sfasciumi seguendo tracce di sentiero fino ad arrivare alla croce di vetta (2h30'-2h45' dal rifugio. Ritorno per la stessa via di salita. Fare attenzione agli sfasciumi, molto scivolosi e alla pietraia, a sua volta molto instabile. Possibilità di qualche crepaccio nella parte iniziale del nevaio. Attrezzatura: corda, picozza e ramponi; abbigliamento di alta quota.


Lavori in corso...

indietro