Placche di Rogno m 400
altro - Lombardia
Arrampicata, IV+, 4c
disl. 110
durata ore 1.20

Gölem g.losio@libero.it
Rogno - via "Rommel Strasse"
 
ACCESSO: da Brescia per Iseo e Lago d'Iseo, dopo Pisogne e prima di Boario Terme si arriva al paese di Rogno; da Bergamo per la Val Cavallina, Endine, Lovere e poi Rogno. C'è ampia possibilità di parcheggio nei pressi del cimitero del paese, nella parte alta dell'abitato, proprio sotto le placconate di roccia. In parte al cimitero si imbocca un sentierino che conduce alle varie zone (la prima che si incontra è "la Piramide di Cheope". Attenzione agli oggetti di valore nelle auto o negli zaini lasciati alla base delle vie, si sono verificati furti. DESCRIZIONE: Sulle caratteristiche delle vie presenti a Rogno vedi la relazione relativa alla via "Pastasciutta e scaloppine". La via qui descritta si sviluppa sulla stretta e lunga placca denominata "Sperone del popo", che si raggiunge percorrendo il sentierino che dal cimitero dapprima sale nel bosco arrivando alle placche della "Piramide di Cheope", poi prosegue verso destra passando sotto (è seminascosto dalla boscaglia) lo sperone dei boscaioli, e poi proseguendo ancora pochi metri sopra il sentiero si osserva, immersa nel bosco, la stratta fascia di roccia dello "Sperone del popo", con alla base la scritta "Rommel". La via qui descritta si sviluppa principalmente su spigolo e fessure, è una via facile e un po' discontinua, adatta a principianti. DESCRIZIONE VIA "Rommel Strasse": 1° tiro (40m III+): Si attacca la parete in corrispondenza della piccola scritta "Rommel" in vernice sbiadita e della freccia in vernice, si parte vincendo un piccolo strapiombino (IV) che immette in un breve ma evidente diedro. Si sale per detto diedro (spit) fino al suo termine, quindi si supera la placca sovrastante tenendosi al suo centro (2 spit, vedi la foto) pervenendo ad una cengia con anellone di sosta. 2° tiro (40m III+): Si supera un breve muretto verticale direttamente sopra la sosta, pervenendo ad un?altra larga cengia erbosa. Si attacca la successiva parete sulla sinistra in prossimità di una spaccatura obliqua da sinistra a destra. Si sale per detta spaccatura e si procede verso sinistra su placca a buchi mirando allo spigolo di sinistra. Per placche molto inclinate si risale lo spigolo in direzione di un anellone di calata, presso cui è possibile sostare scomodamente. In alternativa è possibile, raggiunto lo spigolo, tenersi a sinistra sulle placche e andare a sostare più comodamente (sosta da attrezzare). Un'altra possibilità consiste nel risalire, con maggiori difficoltà e in assenza di protezioni, l?ultimo muro direttamente sulla verticale della sosta precedente pervenendo in modo diretto all?anellone di calata. 3° tiro (30m III): Si sale lungo lo spigolo giungendo ad una selletta poco marcata (spuntone orizzontale proteggibile con cordino) dove in spaccata (IV) si passa in massima esposizione allo spuntone sommatale del pilastro dall'altra parte della sella, che, risalito lungo lo spigolo arrotondato (breve passo di V-) conduce alla sommità del pilastro e al termine della via, la sosta è effettuabile ai fusti della piantina al centro della cima. DISCESA Dalla sommità dello sperone che è stato risalito si prosegue nella direzione da cui si proveniva e si scendono con attenzione le rocce sommitali fino a giungere al sentierino che scende a sinistra ripido e accidentato nel bosco in parte allo sperone. Si transita sotto la Lavagna e poi ci si ricongiunge al sentiero che congiunge alla base i vari settori, poco distante dall'attacco. Buon divertimento!


Lavori in corso...

indietro