PLACCHE ZEBRATE - VIA RITA m 470
Monte Brento - Valle del Sarca - Arco/Drò - Trentino
Arrampicata, 5c
disl. +400
durata 3 h. 20'

Will will80@sassbaloss.com
PLACCHE ZEBRATE - VIA RITA
 
WWW.SASSBALOSS.COM Descrizione Generale Bella via di notevole lunghezza, 400 metri di dislivello, facile e varia come tipologia: placca, diedro, camino, quasi una salita di tipo alpinistico, se non fosse per la chiodatura generosa. La via è ben protetta con fittoni resinati (anche se spesso non troppo frequenti e visibili), non occorrono dadi o friends, solo 9/10 rinvii e cordoni per le soste, che sono tutte comode, e ricavabili sempre da 2 o addirittura 3 o 4 chiodi. La via si chiama "Rita", ed è una delle vie più lunghe delle "Placche Zebrate", grande scivolo di roccia calcarea bianca che si trova a Dro, paese a pochi chilometri da Arco provenendo dall'alto Lago di Garda. Attacco, Descrizione della via La via attacca nella parte destra della parete, un po' a destra da dove sbuca il sentiero che proviene dal parcheggio, giunti al ghiaione alla base della parete lo si segue verso destra per qualche decina di metri, fino ad un alberello isolato vicino alla placca. Appena a destra dell'alberello la morena ghiaiosa precipita in un profondo avvallamento addossato alla parete dove sono presenti altre vie. L'attacco è in corrispondenza dell'alberello, un po' più a sinistra di due lapidi commemorative; all'attacco è presente anche una scritta rossa, ma pressoché illeggibile. E' visibile già dal basso comunque a 10 metri di altezza un grosso asterisco rosso, da cui transita la via. Altri bolli rossi sono disseminati anche lungo lo sviluppo della via. Si tratta di 16 tiri, che vanno dal 3c al 5c, ma i tiri possono essere ridotti ad almeno 12 utilizzando una corda lunga e accorpando insieme quelli più corti. 1° tiro: Salire un metro e successivamente piegare a destra in direzione dell'asterisco rosso. Roccia molto unta (3c). 45 Mt. 2° tiro: Dalla sosta salire in verticale per piccoli gradini e poi superare con decisione la unta e verticale paretina. All'uscita piegare a destra fino a raggiungere la sosta (4a). 30 Mt. 3° tiro: Proseguire verticalmente per diedro e poi piegare a destra (4a). 35 Mt. 4° tiro: Spostarsi leggermente a destra e affrontare la parete verticale. Al termine della stessa piegare a sinistra fino alla sosta. Durante questo tiro potreste avere dei ripensamenti sul proseguimento della salita per via dell'unto (4b). 45 Mt. 5° tiro: Salire verso sinistra per roccette, piegare a destra su placca fino a raggiungere una piccola terrazza dove è situata la sosta (3c). 45 Mt. 6° tiro: Salire verticalmente per facili roccette fino alla sosta (3c). 20 Mt. 7° tiro: Dalla sosta salire per qualche metro e poi piegare a destra (roccia unta). Attraversare a destra per 2 metri su di un comodo terrazzino fino ad arrivare ad una placca. Salirla fino al suo termine. Poco a sinistra vi è la sosta (4a). 45 Mt. 8° tiro: Salire pochi metri spostandosi a sinistra in corrispondenza di una placconata. Salire la placca che da semplice (3c) cresce di difficoltà (4a) fino a giungere in sosta. 35 Mt. 9° tiro: Proseguire ancora per placca (4a). Oltrepassare un leggero strapiombo (5c) e poi piegare su comodo terrazzo a destra fino alla sosta posta all'inizio del camino. 35 Mt. 10° tiro: Entrare nello stretto camino e risalirlo fino al suo termine (5c) cercando di non pungervi con le rose e a non scivolare sull'unto. Lungo tutto il tiro avrete l'impressione di arrampicare sul sapone. 45 Mt. 11° tiro: Altro tiro impegnativo. Proseguire per rocce semplici (4a) fino ad una placca (5c). La via piega leggermente a destra in prossimità di un terrazzino dove è situata la sosta. 35 Mt. 12° tiro: Entrare nel camino che piega a destra fino ad incontrare la sosta (4c). 30 Mt. 13° tiro: Proseguire per il diedro/camino che un tempo aveva buoni appoggi per i piedi ma che ora sono unti, fino ad arrivare alla sosta (5a). 35 Mt. 14° tiro: Salire pochi metri e poi traversare a sinistra su terrazzo fino alla comoda sosta (4a). 25 Mt. 15° tiro: Salire la placca (4a) e al termine della stessa piegare a sinistra e traversare per comodo terrazzo fino alla sosta (3a). 35 Mt. 16° tiro: Salire verticalmente la placca piegando leggermente a sinistra fino alla sosta da attrezzare su di un albero (4a). 30 Mt. Discesa Una volta sulla cengia, a via conclusa si scende a sinistra lungo la cengia fino ad un'area cintata (sorgente), poi giù su sentierino a tornanti sul ghiaione fino a tornare alla base della parete, costeggiandola fino ai punti da cui si era partiti.

CLICCATE QUI PER MAGGIORI INFORMAZIONI




altre info:
http://www.sassbaloss.com

Lavori in corso...

indietro