Monte Tantané m 2734
M.Rosa (creste meridionali) - Val d' Aosta
Escursionismo, E
disl. 1000
durata salita 3h

Andrea62 dianiandrea@yahoo.it
Monte Tantané da La Magdeleine
 
Il monte Tantané (m.2734) è una cima panoramica su Cervino, Dent Blanche e Monte Rosa e su gran parte della Valle d?Aosta dalla Tersiva al Monte Bianco. Non lo indico EE perché i passaggi dove il sentiero supera tratti rocciosi sono pochi, brevi e facili. Attenzione però all?inizio dove si può sbagliare causa le varie interpoderali e i sentieri dismessi. Il numero da seguire, raramente presente, è il 4. Oppure ci sono i segni gialli, non particolarmente abbondanti. La cresta di salita è quella al centro delle tre nella foto. Accesso in auto. Strada della Valtournanche fino ad Antey-Saint-André dove si prende la deviazione per La Magdeleine. Seguirla oltre Brengon (chiesa e municipio) fino alla frazione Artaz (m.1727). Descrizione della gita. Dallo spiazzo di Artaz continuare lungo la strada che fa un tornante. Pochi passi più avanti prendere a destra una stradina (segnavia gialli) che presto finisce nei prati. Salire direttamente i prati lasciando a destra uno skilift e incrociare una sterrata. Seguirla brevemente verso sinistra e salire poi sulla destra per evidenti tracce fino ad incrociare la sterrata ?giusta? in prossimità di un gruppo di casolari. Questa sì che va seguita verso destra, in direzione Sud-sud-est. La sterrata (che stando alle carte è la prosecuzione della strada di Artaz che fa un giro lungo con ampi tornanti, ma non abbiamo verificato sul terreno) strappa subito guadagnando quota. Diventa poi un tranquillo sentiero pianeggiante nel lariceto. Il sentiero esce dal bosco girando ad est ed entrando nel vallone che scende dal Col Portola. Dopo un rudere si incontra una malga in buono stato (Alpe Chancellier di sopra, m.2138). Qui c?è un bivo: il sentiero per il Tantané sale a sinistra (nord) verso la montagna ora ben visibile. Il sentiero va a intercettare il costone che scende dalla montagna in un tratto dove esso è quasi pianeggiante. Si inerpica poi lungo la cresta sud-ovest, ora piuttosto ripida, erbosa con rocce affioranti, superando nella parte alta due facili saltini rocciosi. Quando si vede la croce della cima bisogna ancora scendere in un intaglio (pochi metri) e poi salire in vetta facendo gli ultimi metri su terreno roccioso ma facile. In cima appaiono le testate di Valtournanche, Val d?Ayas e Val di Gressoney mentre salendo il panorama si è fatto via via più vasto sulla Valle d?Aosta.


Lavori in corso...

indietro