Torre Jolanda m 2403
Moiazza - Veneto
Alpinismo, IV, AD-
disl. 200 m. di via + 600 all'attacco
durata 5,30 h A/R

arteriolupin lucalvi@libero.it
Via Da Roit-Frescura-Facciotto (Via del Camino) alla Torre Jolanda
Classica e piacevole via classica alla parete sud-est della Torre Jolanda, che, assieme alla Pala della Gigia, fa da sentinella immediatamente sopra il Passo Duran. Oltre a questa via, data la brevità dell'avvicinamento e la favorevole esposizione a S-E che le rendono percorribili anche ad inizio o fine stagione, sono state aperte molte altre vie sulla Torre Jolanda e sulla vicinissima Pala della Gigia, itinerari ormai classici e molto ripetuti. Avvicinamento: dal Passo Duran (1601 m., raggiungibile in pochi chilometri da Agordo o dalla Val di Zoldo), salire per il sentiero che porta al Rifugio Carestiato. Dopo un 25-30 min., quando il sentiero inizia a traversare verso sinistra in direzione del Rifugio, abbandonare il sentiero segnato e prendere una evidente traccia tra i mughi che porta all'avancorpo basale della Torre Jolanda e della Pala della Gigia. Risalendo faticosamente tra i mughi e con poche roccette, risalire lo zoccolo e portarsi ad una paretina immediatamente sotto il caminone che fornisce la direttrice dell'ascensione e che divide la Torre dalla contigua Figlia della Jolanda. A sinistra è evidente un canalone con pochi salti che sarà percorso dall'itinerario di discesa. 1) Salire per parete ben appigliata e portarsi a vincere direttamente - con direzione destra-sinistra la paretina che porta ad una fessura (III e III +). 2) Vincere la fessura (IV) che poco sopra diventa camino. 3, 3, 4, 5) Seguire il camino superando una evidente strozzatura (IV) e continuare poi sullo spigolo destro dello stesso (II e III) per un paio di lunghezze, fino a sbucare su una forcellina un paio di metri sotto la cima. Alcuni chiodi sul posto, roccia molto appigliata e solida, numerosi spuntoni e clessidre per assicurazione. Diff. prevalenti di II-III con due passaggi di IV. Sviluppo di circa 220 m. Per la discesa, traversare dapprima a N e pi a E, oltrepassare la cima della contigua Figlia della Jolanda (evidente) e portarsi nel canalone ghiaioso e franoso che riporta verso l'attacco. Un paio di salti sono attrezzati per consentire una rapida discesa in doppia. Attenzione a traversare verso sinistra per tornare alla base della parete. Da qui, per le tracce seguite all'andata, tornare al Passo Duran.


Lavori in corso...

indietro